• Facebook
  • Twitter
  • Instagram
Fontana Presidente - Al lavoro! Più Lombardia.

Moratoria su invio richiedenti asilo in Lombardia.

Girando il territorio lombardo in queste settimane ho avuto la conferma dell'impatto problematico avuto dalle decine di migliaia di immigrati richiedenti asilo (peraltro quasi tutti africani, ma non mi risultano guerre in corso in Nigeria, Guinea, Gambia, Senegal, Costa d'Avorio ecc) catapultati dal Viminale in Lombardia, spesso in piccoli comuni non attrezzati o bypassati da privati che li hanno presi in gestione tramite le Prefetture scavalcando le amministrazioni comunali.


Un problema che avevo già sollevato quando ero presidente dell'Anci Lombardia e che oggi ritrovo ulteriormente aumentato: la Lombardia ospita il 14% del totale dei quasi 200mila richiedenti asilo presenti in Italia.


Sono troppi, considerando anche la presenza sul territorio lombardo di circa centomila clandestini che il Governo in questi anni non ha provveduto ad espellere pur trattandosi di irregolari.


Per questo uno dei miei primi impegni da Governatore lombardo sarà chiedere un tavolo, a Roma, al ministro degli Interni, per ottenere una moratoria di almeno un anno sull'invio di nuovi richiedenti asilo.


La Lombardia ha già dato tanto, in questi ultimi quattro anni, e in questi giorni le Prefetture lombarde stanno pubblicando sui loro siti ufficiali i bandi per le gare per l'accoglienza dei nuovi immigrati richiedenti asilo da accogliere in Lombardia.


Bandi da decine di migliaia di euro, per migliaia di immigrati in ogni territorio provinciale: questo è l'ultimo giro, dal prossimo i nostri numeri devono calare e a Roma dovranno capire e accogliere questa nostra richiesta.