• Facebook
  • Twitter
  • Instagram
Fontana Presidente - Al lavoro! Più Lombardia.

LOMBARDIA - Più internazionale, la lombardia nel mondo

Tra le materie oggetto di trattativa con il Governo per l’autonomia, figurano i rapporti internazionali e con l’Unione Europea. Con questa competenza, la Lombardia potrà rafforzare la propria posizione all’interno del contesto internazionale, negoziando – nel quadro della politica estera nazionale – con i Paesi confinanti e con l’Union Europea nelle materie che più stanno a cuore dei lombardi.

 

Attraverso lo strumento dell’intesa, la Lombardia potrà promuovere cooperazioni di natura economica, commerciale e culturale con i Paesi strategicamente più interessanti per le imprese lombarde: dall’area balcanica ed Est Europa (attualmente in forte espansione) alla Russia agli Stati Uniti e il Sud Est Asiatico.

 

In tema di internazionalizzazione delle imprese, si intendono confermare i programmi di supporto e sostegno alle aziende lombarde che vogliono aprirsi ai mercati esteri.

 

Da confermare è la partecipazione di Regione Lombardia alle associazioni e strategie macroregionali europee. Tra queste, innanzitutto, la Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP), con la Presidenza prevista nel 2019, i Quattro Motori per l’Europa e la Regio Insubrica, quale tavolo di confronto per la difesa dei diritti dei nostri lavoratori transfrontalieri e intervenire più incisivamente nella cooperazione transfrontaliera. Rispetto a questo tema, Regione Lombardia dovrà essere in grado di tutelare con politiche fattive e responsabili, i lavoratori lombardi rispetto alla tassazione sui frontalieri, i ristorni ai comuni e le opportunità di trasporto pubblico.

Invia i tuoi commenti a Attilio Fontana

 

 

 

Per rispondere in maniera sempre più efficace e flessibile alle esigenze emergenti nella società, intendiamo dare continuità all’attuazione del Piano operativo regionale relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale (POR FESR 2014-2020)e dellaStrategia di Specializzazione Intelligente di Regione Lombardia, in modo da garantire il raggiungimento di importanti obiettivi anche sul piano della prossima programmazione comunitaria.

 

Continueremo a sostenere la presentazione di bandi e progettualità all’interno del Programma INTERREG (che ha visto lo stanziamento per il periodo 2014-2020 di circa 160 milioni di euro) per finanziare progetti comuni tra Regioni e territori di confine Lombardia-Svizzera.

 

Nei rapporti con l’Unione Europea, puntiamo a veder riconosciuta una maggior tutela dell’agroalimentare lombardo, anche rispetto al tema delle sanzioni russe che provoca alle aziende danni per miliardi di euro ogni anno.Insisteremo presso la Commissione Europea affinché venga riconosciuta la specificità del Bacino Padano limitando così il rischio di procedure di infrazione; difenderemo le posizioni degli autotrasportatori, fiaccati dalla concorrenza sleale proveniente dall’Est Europa. A questo proposito, intendiamo valorizzare la presenza e il ruolo di “Casa Lombardia” a Bruxelles, quale punto di riferimento di Regione Lombardia presso le istituzioni europee per i nostri cittadini e le imprese.

 

 

 > torna al programma Attilio Fontana Presidente