• Facebook
  • Twitter
  • Instagram
Fontana Presidente - Al lavoro! Più Lombardia.

LOMBARDIA - Più innovativa. Ricerca e sviluppo le chiavi del futuro

UN STRATEGIA CHIARA PER INNOVARE E PER COMPETERE

Per rispondere in maniera sempre più efficace e flessibile alle esigenze emergenti nella società, intendiamo dare continuità allaStrategia di Specializzazione Intelligente di Regione Lombardia, in modo da garantire il raggiungimento degli obiettivi di spesa, che permetteranno a Regione di ottenere ancora più Fondi per la successiva programmazione comunitaria. Uno dei principali obiettivi sarà quello di raggiungere con la Banda Larga e Ultra Larga il 100% del territorio regionale.

 

La Regione negli ultimi 5 anni ha messo al centro la crescita e l’innovazione con un investimento complessivo di 2,4 miliardi di euro, per sostenere la Banda Ultra Larga, l’inserimento delle tecnologie nel terziario, l’ammodernamento delle aziende agricole e la nascita di start up, la mobilità sostenibile, la formazione continua, l’efficienza energetica e la ricerca biomedica.

 

Regione Lombardia ha saputo costruire negli anni un ecosistema di innovazione all’avanguardia in Europa, fortemente improntato allo sviluppo e all’innovazione.

Questo sistema, che mette insieme pubblico e privato, negli ultimi anni è arrivato ad investire in ricerca, sviluppo e innovazione oltre il 3% del PIL lombardo: un grande obiettivo, che vogliamo implementare, puntando a superare di alcuni punti percentuali gli investimenti in Ricerca e Innovazione in Lombardia nei prossimi 5 anni.

Invia i tuoi commenti a Attilio Fontana 

PUNTIAMO SULLE PERSONE

Sono le persone che fanno l’innovazione: in questo settore più di altri il capitale umano fa la differenza. Anche per questo vogliamo arrivare a ottenere finalmente il riconoscimento della professione di ricercatore, per valorizzare il ruolo del ricercatore non solo all’interno delle università e dei centri di ricerca, ma anche presso le aziende.

 

ASCOLTARE CHI L’INNOVAZIONE LA FA OGNI GIORNO

Intendiamo avviare un dialogo con i rappresentanti del mondo delle imprese, della ricerca, delle associazioni e delle istituzioni, anche attraverso la piattaforma collaborativa regionaleOpen Innovation, per identificare insieme i vantaggi competitivi e le specializzazioni tecnologiche più coerenti con il potenziale di innovazione presente sul nostro territorio. L’obiettivo è quello di individuare, in un percorso condiviso, priorità e ambiti applicativi per i fondi regionali e comunitari, al fine di accrescere ulteriormente la competitività del nostro territorio, supportare l’occupazione e promuovere uno sviluppo che punti sulle industrie emergenti.

 

Penseremo e progetteremo insieme percorsi semplificati per l’adesione a bandi regionali e per la rendicontazione dei risultati. Sarà infatti sempre più fondamentale, per la competitività delle nostre imprese, università e centri di ricerca, snellire le attività di application soprattutto ai bandi europei, velocizzando e facilitando i processi di trasmissione dei fondi alle imprese.

 

SCIENZE DELLA VITA: VOCAZIONE E AVANGUARDIA DI UN TERRITORIO

Vogliamo far crescere qualità ed eccellenza, valorizzando gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) e i centri di ricerca d’eccellenza in questo campo, puntando su alcuni settori strategici (come il biotech e la medicina di precisione), per implementare tutta la filiera delle Scienze della Vita.

 

Menzione speciale merita il Premio Internazionale “Lombardia è Ricerca”, il Nobel della Lombardia per le Scienze della Vita, cui vogliamo dare continuità.

 

Anche per il settore Ricerca e Innovazione sono previsti forti impatti derivanti dagli esiti della negoziazione con lo Stato per una maggiore autonomia regionale.

L’innovazione ed evoluzione tecnologica vanno più veloci nelle aree con maggior autonomia politica, basti pensare alla Germania o agli Stati Uniti.

Il percorso istituzionale dell’autonomia e la piena attuazione della legge di governance del settore permetteranno di liberare pienamente le potenzialità del territorio lombardo e di rispondere più efficacemente alle sue esigenze di crescita.

 

Milano è la capitale delle Scienze della Vita: la Lombardia è al 2° posto nell’Unione europea (dopo la Germania) per la produzione farmaceutica, con 8 miliardi di euro di produzione annua, con un trend in continua crescita e un export collegato che supera il 70% della produzione; inoltre il 45% del fatturato e degli investimenti nazionali della farmaceutica è concentrato nell’area di Milano.

Questi numeri danno la dimensione della qualità e dell’eccellenza raggiunte in Lombardia dal settore biomedico.

 

Invia i tuoi commenti a Attilio Fontana 

LA RICERCA HA BISOGNO DI INFRASTRUTTURE

La ricerca e l’innovazione hanno bisogno di strumenti, team di lavoro, luoghi idonei al loro sviluppo. Ecco perché nel prossimo futuro vogliamo dare ancora più slancio a grandi progetti di eccellenza che prevedano forti partnership pubblico privato e che concentrino su un territorio e su un’area del sapere grandi investimenti nazionali e internazionali.

Questi distretti dell’innovazione sono in grado di attirare, infatti, grandi investimenti pubblici e privati e di garantire nuova vita ad intere aree, dando loro una nuova vocazione (o assecondando una vocazione già consolidata). Ne sono un esempio i grandi progetti del Parco del Sapere, della Scienza e dell’Innovazione che sorgerà nell’ex area Expo, e della Città della Salute e della Ricerca.

 

SICUREZZA DIGITALE: FONDAMENTALE PER LA TUTELA DI CITTADINI, IMPRESE E ISTITUZIONI

Vogliamo progettare un modello di governance regionale per la gestione dei dati e la cyber security. Il nostro scopo è quello di garantire l’integrità, la disponibilità e la confidenzialità dei dati e delle informazioni gestite dalla PA.

 

Intendiamo anche incentivare investimenti in sicurezza digitale nel settore privato, da parte delle imprese, in modo che possano operare in piena sicurezza, per salvaguardarne le attività e la proprietà intellettuale e industriale.

 

La sicurezza digitale è il tema caldo del nostro tempo e toccherà sempre di più tutti i settori della vita pubblica e privata della nostra società. Gli organi di informazione ci raccontano di sempre più numerosi attacchi informatici a imprese e istituzioni che provocano miliardi di euro di perdite alle imprese, mettendo a rischio la loro stessa sopravvivenza (e il lavoro per migliaia di persone), e che costituiscono un rischio per la sicurezza di tutti.

 

UNA NUOVA GOVERNANCE PER LA RICERCA: SEMPLIFICAZIONE AL SERVIZIO DI CHI INNOVA

Uno dei principali obiettivi della XI legislatura sarà quello di dare piena attuazione al nuovo modello di governance del settore della ricerca disegnato dalla nuova legge regionale n.29/2016, attraverso quegli strumenti, come gli Accordi per la Ricerca e l’Innovazione, che si sono rivelati efficaci e di successo nel creare un collegamento tra mondo della ricerca e mondo delle imprese, promuovendo il trasferimento tecnologico, l’innovazione e la collaborazione tra aziende grandi e medio piccole.

 

Un passaggio fondamentale sarà, inoltre, quello di elaborare in collaborazione con stakeholder e società civile il primo Programma strategico triennale.

 

Importante sarà anche attivare il Foro Regionale per la ricerca e l’innovazione di esperti nazionali e internazionali, che aiutino il Governo regionale a cogliere le tendenze in atto e a trovare soluzioni innovative.

 

 

 > torna al programma Attilio Fontana Presidente